La Storia di…Martina Morlacchi

Martina Morlacchi, cresciuta nella bellissima Montepagano, un piccolo borgo medievale che si affaccia su Roseto degli Abruzzi. Dopo la maturità conseguita al liceo scientifico Marie Curie di Giulianova, decide di continuare il suo percorso di studi a Milano, iscrivendosi alla facoltà di ingegneria informatica. Nel tempo libero ama viaggiare, vedere posti diversi e conoscere nuove culture. Le serie tv sono la sua passione, diventata ormai una dipendenza.

Come mai hai deciso di studiare fuori sede, lontano dall’Abruzzo?

Ciò che più mi ha spinto a trasferirmi è stata senz’altro la possibilità di poter frequentare un’università come il Politecnico, in grado di offrirmi una buona preparazione per inserirmi con facilità nell’ambito lavorativo.

Raccontaci di una tua esperienza universitaria indimenticabile.

Durante il periodo universitario ho avuto la fortuna di poter partire in Erasmus; per sei mesi ho frequentato l’IT University di Copenaghen dove ho approfondito temi come l’intelligenza artificiale applicata ai videogame e il data mining. L’Erasmus è stata di sicuro un’esperienza molto formativa ma soprattutto, come tutti sanno, estremamente divertente.

Oggi invece di cosa ti occupi?

Dopo la laurea ho iniziato a lavorare in Everis, una società di consulenza informatica dove mi occupo principalmente di analisi di dati e business intelligence. 

Cosa farà Martina Morlacchi fra 10 anni?

Per il momento vorrei fare ancora qualche anno di esperienza fuori ma di sicuro più in là mi piacerebbe tornare a casa mia, in Abruzzo.

Cosa consigli ai tuoi giovani colleghi del domani?

Un consiglio che mi sento di dare ai ragazzi che stanno entrando ora nel mondo universitario o in quello lavorativo è di cercare di seguire le proprie passioni perché diventa tutto più semplice e piacevole.

Benvenuta nel RAW!